Copy
L’Offshore Mediterreanean Conference OMC2019 di Ravenna è uno degli eventi dove, ogni due anni, si incontrano i protagonisti del settore oil&gas, delle imprese, del mondo accademico, della politica. Per questo è un’occasione unica per capire quali sono le strategie in materia di energia dei Paesi avanzati.
Soprattutto grazie ai tanti incontri con imprenditori, lavoratori e tecnici dell’oil&Gas, ho avuto la conferma della passione e delle straordinarie competenze che si trovano nelle aziende di questo compartimento.
Da sempre l’Italia ha avuto un’importante reputazione internazionale e possiede un grande potenziale per il futuro energetico italiano. Il nostro territorio può essere il luogo privilegiato per costruire una transizione che si fondi sul gas naturale a km zero e sulle rinnovabili.
L’Omc ci conferma che è sempre più urgente compiere scelte lungimiranti e sostenibili sulla produzione di energia che è un elemento strategico per lo sviluppo di ogni economia mondiale. Scelte lungimiranti a cui non si può certo iscrivere il decreto “Blocca trivelle” che, tra l’altro, non era presente nel contratto di governo. Nell’attuale Governo non c’è un poliziotto cattivo che è Di Maio e un poliziotto buono che è Salvini. Entrambi sono complici di una scelta sciagurata per l’Italia.
Come temuto, Eni ha dimezzato gli investimenti previsti per il 2019, pregiudicando così il piano 2017-2020. Si potenzieranno le estrazioni sui giacimenti attivi ma l’altra metà degli interventi per il 2019, fra i 350 e i 400 milioni, saranno sospesi. Le ricadute occupazionali saranno molto consistenti con mille posti di lavoro potenzialmente perduti.
 
All'OMC sono intervenuti diversi esponenti del Governo: Davide Crippa, Laura Castelli, Giancarlo Giorgetti. Nel mio intervento al Tech Talk dal titolo "Energia nazionale: the italian upstream is not dead?" ho dato alcuni consigli (non richiesti) al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e a tutti i sovranisti.
Per esempio quello di prendere come riferimento per tutta l’Italia il modello dell’Emilia-Romagna, che da anni sostiene un sistema che si basa sulla ricerca e l’innovazione in campo energetico, ha scelto di fondare il proprio sviluppo sul mix gas-rinnovabili e può vantare uno dei settori oil&gas più all’avanguardia nel mondo sia nell’estrazione sia nell’impiantistica.
LEGGI L'ARTICOLO
 
Quando non c’è energia non c’è colore, non c’è forma, non c’è vita.
MICHELANGELO MERISI DETTO IL CARAVAGGIO
 
Gianni Bessi
Consigliere Pd alla Regione Emilia-Romagna
 
Twitter
Facebook
Website
Share
Tweet
Forward
Cancellati dalla newsletter






This email was sent to <<Email Address>>
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Regione Emilia Romagna · Viale Aldo Moro, 50 · Bologna, BO 40127 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp