Copy

 

Le 5 tattiche per motivare il collaboratore

 
 
 
 
Un lavoratore motivato è di buon umore, produce di più e si stanca di meno. Tutti desideriamo che i nostri collaboratori siano motivati, ma come fare?
 
Ecco le nostre 5 tattiche per motivare i collaboratori:
 
  1. Innanzitutto, occorre capire cosa motiva e cosa invece demotiva; ad esempio lo stipendio adeguato, un ambiente di lavoro confortevole, il rispetto dei diritti del lavoratore sono fattori necessari, in mancanza dei quali il lavoratore si demotiva, ma non sono sufficienti a dare motivazione in più. Per questa ragione, quasi mai è il denaro a motivare le persone;
  2. Occorre dare al lavoratore obiettivi raggiungibili e stimolanti, se chiediamo qualcosa di troppo difficile la persona si sentirà incapace e non ci proverà nemmeno;
  3. È importante il riconoscimento del lavoro fatto, a volte basta una parola buona, anche un messaggino, per dire “grazie: sono tornato a casa e ho trovato tutto pulito e in ordine, apprezzo molto il lavoro che hai fatto”;
  4. Anche l’appartenenza al gruppo è motivante, il lavoratore che si sente parte della famiglia, starà lavorando per sé stesso e non più per voi, la sua motivazione sarà chiaramente più alta.
  5. Infine, quando volete riconoscere un incentivo monetario, tenete presente che un premio, magari legato a un risultato specifico, è più motivante di un generico aumento.
  1. Verificare le effettive esigenze nella fase preliminare e assumere il lavoratore solo per le ore necessarie, sarà più facile gestire eventuali straordinari piuttosto che calare le ore in un secondo momento.
  2. Nella scelta tra un rapporto con convivenza oppure a ore considerare anche che le spese di casa aumenteranno, non sempre un lavoratore convivente è la scelta più economica. In ogni caso, oltre le 36 ore settimanali, conviene cominciare a prendere in considerazione la convivenza.
  3. Concordare preventivamente gli straordinari, a volte il lavoratore dà ampia disponibilità e si tende a lasciarlo in casa anche in momenti in cui non c’è veramente bisogno, senza rendersi conto che il monte ore sta crescendo.
  4. Motivare il collaboratore, infatti un lavoratore motivato guarderà meno al compenso: un sincero apprezzamento motiva più di un aumento in busta paga.
  5. Per quanto possa sembrare un paradosso ricordate che se avete una persona in nero, a parte il valore economico del rischio, costa quasi sempre di più rispetto a una in regola.
 
Se volete fare un’analisi dei costi del vostro rapporto di lavoro potete scriverci o chiamarci.

 

 


 

Agenzia per il Lavoro e Centro Elaborazione Dati 
Autorizzazione Ministeriale 0000091.25.07.2018
Il trattamento dei dati è conforme a quanto previsto dal Codice
in materia di protezione dei dati personali  - Art. 13 Regolamento UE 2016/679 - Decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101.



Our mailing address is:
info@familla.it

Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list

 






This email was sent to <<Email Address>>
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Italiana Assistenza · via Giovanni Brugnoli 13/D-E · Bologna, BO 40122 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp