La newsletter dei Centri per l'Impiego della Regione Toscana dedicata alle imprese.
Visualizza questa email sul browser

IN EVIDENZA

JOBBANDO: UNO SPAZIO PER FAVORIRE L'INCONTRO TRA AZIENDE E RISORSE

Il 5 e 6 ottobre 2017 presso il Teatro Obihall di Firenze, si terrà la terza edizione di Jobbando.
Jobbando rappresenta un punto di incontro tra imprese, cittadini, scuole, università e istituzioni e mira ad agevolare il contatto diretto tra domanda e offerta di lavoro. E' un evento organizzato da Qu.In ed è patrocinato da: Ministero dell'Istruzione, Comune di Firenze, Regione Toscana, DSU Toscana, Camera di Commercio di Firenze. L'iniziativa ha il sostegno di Anci Toscana, Confindustria Firenze, Confindustria Toscana, Cisl Firenze Prato, Coni Regionale della Toscana, Confartigianato Firenze, Adaci e Federmanager.
Le imprese partecipanti alla manifestazione potranno presentare il proprio lavoro e illustrare eventuali profili professionali ricercati a ragazzi laureandi-neolaureati, persone disoccupate-inoccupate o occupate in cerca di nuove opportunità lavorative. 
I Centri per l’Impiego della Regione Toscana saranno presenti con un proprio spazio. Durante i due giorni di manifestazione i partecipanti all’evento potranno incontrare gli operatori dei Centri per I’Impiego, e così conoscere sia i servizi che più specificamente le offerte di lavoro delle imprese toscane che si avvalgono dei servizi di incontro domanda offerta dei CPI. 

Per informazioni:
www.jobbando.org
email: aziende@jobbando.org
Tel. 055 8827452

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI

ANPAL: pubblicata la nuova guida ANPAL "Incentivi alle assunzioni e alla creazione d'impresa"
 
La "Guida incentivi all'assunzione e alla creazione d'impresa" fornisce una sintesi periodica degli incentivi all’assunzione e alla creazione d’impresa attivi a livello nazionale, regionale e delle province autonome con l'obiettivo di supportare gli utenti interessati ad individuare quale tipologia di agevolazione sia fruibile per l’assunzione o per avviare una attività autonoma.
Gli incentivi sono costituiti dai benefici normativi o economici riconosciuti ai datori di lavoro in caso di assunzione di lavoratori o di apertura di una nuova impresa.

La guida è suddivisa in quattro sezioni:
  • Incentivi all’assunzione e alla creazione di impresa previsti dalla normativa nazionale
  • Incentivi previsti dai Programmi nazionali di ANPAL Servizi
  • Incentivi all’assunzione e alla creazione d’impresa previsti dalla normativa regionale
  • Avvisi regionali e/o delle province autonome che prevedono incentivi all’assunzione e alla creazione d’impresa
Ultimo aggiornamento - 1 luglio 2017.

AVVISI REGIONE TOSCANA

REGIONE TOSCANA: mobilità in deroga 2017

Con la Delibera di Giunta Regionale del 31 luglio 2017 n.842 sono state approvate le Linee Guida per la mobilità in deroga per l'anno 2017 che regolano il trattamento di mobilità in deroga nelle aree di crisi industriale complessa della Regione Toscana, in applicazione del Decreto Legge 24 aprile 2017 n.50 (art.53-ter).

Possono richiedere il trattamento di mobilità in deroga i soggetti disoccupati ai sensi del D.lgs. 150/2015, licenziati da aziende aventi sedi operative ubicate in uno dei Comuni appartenenti alle aree di crisi industriale complessa di Piombino e Livorno (Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto, Livorno, Collesalvetti, Rosignano Marittimo) e che abbiano beneficiato o stiano beneficiando, a seguito di tale licenziamento, dell'indennità di mobilità ex L. 223/91. I soggetti interessati devono pertanto risultare beneficiari al 1° gennaio 2017 del trattamento di mobilità ordinaria, o di mobilità in deroga, con scadenza di tale prestazione nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 dicembre 2017.

La durata massima del trattamento è di 12 mesi, così come previsto dall'art. 53-ter del D.L. 50/2017

Per informazioni: Regione Toscana - Settore Lavoro
Tel. 055 4382086
martedì e mercoledì dalle ore 10.00 alle ore 13.00
email: mobilitaderoga@regione.toscana.it

REGIONE TOSCANA: riaperti i termini per i progetti formativi lavoratori aree di crisi
Con la pubblicazione dei Decreti Dirigenziali 2 agosto 2017, n. 11847 e 4 agosto 2017, n. 11851, la Regione Toscana dispone la riapertura dei termini e modifiche di:
 
  • Decreto Dirigenziale 12 maggio 2016, n. 3096 e ss.mm.ii. “Avviso pubblico per la concessione di finanziamenti ex art. 17 comma 1 lett. a) e comma 3 della L.R. 32/2002 per progetti formativi rivolti a lavoratori di imprese localizzate nelle aree di crisi di Massa Carrara e Piombino”
  • Decreto Dirigenziale 20 ottobre 2016, n. 11128 “Avviso pubblico per la concessione di finanziamenti ex art. 17 comma 1 lett. a) e comma 3 della L.R. 32/2002 per progetti formativi rivolti a lavoratori di imprese localizzate nelle aree di crisi di Livorno e dell’Amiata”

Le nuove scadenze del bando:

  • ore 13:00  del 29 settembre 2017
  • ore 13:00 del 29 dicembre 2017

Per informazioni:
www.regione.toscana.it/Speciali/Por Fse 2014-2020/Bandi
Email: formazionecontinua@regione.toscana.it

 

REGIONE TOSCANA: modificato l'avviso pubblico per i tirocini non curriculari Giovanisì

Si ricorda che a partire dal 1 settembre 2017, è in vigore il nuovo avviso pubblico per le richieste di finanziamento di tirocini non curriculari. Le richieste di contributo devono essere presentate secondo le disposizioni previste da tale avviso modificato dalla Regione Toscana con il Decreto Dirigenziale 27 luglio 2017, n. 11430.
I contributi vengono concessi con le modalità previste dalla Delibera di Giunta Regionale 2 maggio 2017, n. 453, in particolare in relazione ai criteri di esclusione e ai requisiti di accesso al finanziamento.
Le domande vengono presentate a sportello.
Per quanto riguarda i requisiti dei tirocinanti, potrà essere richiesto il contributo per i tirocinanti neodiplomati, neolaureati o fuoriusciti per tirocini attivati entro 24 mesi dal conseguimento del titolo di studio o dall'abbandono per tirocini di inserimento al lavoro di inoccupati e reinserimento per disoccupati e lavoratori in mobilità, e tirocini di formazione per cassa integrati straordinari o in deroga, mentre ai tirocinanti residenti/domiciliati nelle "aree di crisi complessa", si affiancano quelli residenti/domiciliati “aree di crisi semplice”, “aree interne – strategia regionale”, “aree interne – strategia nazionale”, “comuni Art. 107.3.c del TFUE” di cui all'allegato “A” alla Decisione n. 19 del 06/02/2017.
Il contributo non può essere richiesto, oltre che dalle Pubbliche Amministrazioni, anche dai soggetti ospitanti il cui rappresentante legale indicato nella domanda di concessione del contributo è legato da un vincolo di parentela entro il II° grado con il tirocinante.
La misura rientra tra le opportunità di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani."
Per informazioni: Giovanisì - Regione Toscana.

AVVISI NAZIONALI

"HUBBLE": sviluppo di startup digitali

Il programma "Hubble" ha l'obiettivo di individuare, formare e lanciare sul mercato italiano ed europeo i migliori team di imprenditori capaci di elaborare progetti ad alto impatto sul mercato digitale. "Hubble" è promosso da 
Nana Bianca, un incubatore per lo sviluppo di startup digitali, prevalentemente nei settori delle tecnologie per marketing digitale, servizi e applicazioni mobile, e-commerce, advertising.
Ai vincitori viene offerto un percorso intensivo di 16 settimane presso il co-
working di Nana Bianca a Firenze ed un budget di 50mila euro per ciascun progetto di startup.
Per ogni ulteriore informazione occorre fare riferimento unicamente a quanto pubblicato sul sito web dedicato, dove è possibile reperire anche il regolamento del programma
È possibile inoltrare la domanda di partecipazione in qualsiasi momento dell’anno e comunque fino al termine ultimo del bando fissato per il 31 Dicembre 2017. Le selezioni ed assegnazioni avverranno nei mesi di Aprile e Settembre 2017 e nel mese di Gennaio 2018.


Per informazioni:
http://hubble.nanabianca.it/

NORME E CIRCOLARI

INPS: aggiornamento della piattaforma informatica per le prestazioni occasionali in agricoltura
 
L'INPS, con il Comunicato dell'11 agosto 2017, precisa che la piattaforma informatica dedicata alle prestazioni occasionali in agricoltura è stata aggiornata e permette di selezionare i differenti importi previsti per le tre aree di riferimento (9.65, 8.80 e 6.56 euro l’ora).
Inoltre, sempre per il solo settore agricoltura, verranno effettuate a breve ulteriori modifiche che consentiranno di effettuare un’unica comunicazione per prestazioni fino a tre giorni, in alternativa alla comunicazione giornaliera già operativa.
Inoltre, chiarisce le procedure per i versamenti mediante modello F24 e da parte del sistema bancario, Agenzia delle Entrate e Inps.
ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO: chiarimenti al personale ispettivo sulle prestazioni occasionali
 
L’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha pubblicato la Circolare del 9 agosto 2017, n.5, attraverso la quale fornisce chiarimenti al proprio personale ispettivo, in relazione al regime sanzionatorio in caso di violazioni alla normativa delle Prestazioni occasionali (libretto di famiglia e contratto di prestazione occasionale).
Le violazioni per le quali sono previste sanzioni a carico del soggetto u
tilizzatore di prestazioni occasionali sono:
  • il superamento del limite economico (2.500 euro) e del limite orario (280 ore nell'anno civile), i quali comportano la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato a far data dal giorno in cui si realizza la violazione
  • la comunicazione obbligatoria tardiva o incompleta della prestazione, o la comunicazione che contenga elementi non corrispondenti a quanto effettivamente accertato, per le quali è prevista la sanzione amministrativa pecuniaria tra 500 e 2.500 euro "per ogni prestazione lavorativa giornaliera per cui risulta accertata la violazione"
MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI: interpello del 9 agosto 2017, n.2 – Apprendistato e diritto di precedenza di ex TD
 
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in risposta al quesito posto da Confcommercio, con l'Interpello del 9 agosto 2017, n.2 ha fornito chiarimenti in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 24, comma 1, del D.Lgs n. 81/2015, riguardante la disciplina del diritto di precedenza dei lavoratori a termine in caso di assunzioni a tempo indeterminato.
Confcommercio chiede se possano o meno costituire violazione del predetto diritto di precedenza di un lavoratore a tempo
determinato le  seguenti ipotesi:
  • prosecuzione del rapporto di lavoro al termine del periodo formativo del contratto di apprendistato stipulato con un lavoratore già in forza presso la stessa azienda
  • nuova assunzione, con contratto di apprendistato, di un altro lavoratore
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ritiene che non costituisca violazione del diritto di precedenza né la prosecuzione del rapporto di lavoro dell'apprendista al termine del periodo di formazione, non trattandosi di una nuova assunzione, né la nuova assunzione di un apprendista nel caso in cui il lavoratore a termine risulti già formato per la qualifica finale oggetto del contratto di apprendistato.
CIGS: novità in arrivo dal 24 settembre 2017
 
Dal 24 settembre 2017 non sarà più operativo l’art.44, comma 3, del D.Lgs n.148/2015, bensì l’art.22, comma 4, (dello stesso decreto) il quale dispone che nei casi di riorganizzazione aziendale e di crisi aziendale, potranno essere autorizzate sospensioni dal lavoro nel limite massimo dell’80% delle ore lavorabili nell’unità produttiva nell’arco temporale previsto dal programma autorizzato.
Ciò comporta che:
  • le richieste inviate telematicamente al sistema CIGSONLINE relative a programmi di integrazione salariale straordinaria, accompagnati o meno da accordi sindacali, dovranno tenere conto di tali limiti quantitativi
  • gli organi di vigilanza degli Ispettorati territoriali del Lavoro dovranno verificare, per i programmi presentati a partire dal 24 settembre 2017, il rispetto del limite massimo di ore integrabili, in conformità alle previsioni contenute nella circolare della Direzione Generale degli Ammortizzatori Sociali ed Incentivi all’Occupazione n. 27/2016
L'art. 44 comma 3 disponeva che tale limite dell'80% non si applicava nei primi 24 mesi dall'entrata in vigore di tale decreto e cioè il 24 settembre 2015.
Con Circolare 28 agosto 2017, n. 16, la Direzione generale degli ammortizzatori sociali e incentivi all’occupazione del  Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, fornisce alcuni chiarimenti in merito alle causali di crisi aziendale e riorganizzazione aziendale e sul limite massimo di ore di cassa integrazioni guadagni straordinaria autorizzabili.
MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI: Edili – riduzione contributiva anno 2017
 
Con il Decreto interministeriale del 5 luglio 2017, Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali conferma la riduzione contributiva fissata all'11,50% su quanto dovuto dalle imprese edili all'INPS ed all'INAIL anche per il 2017.
Cliccando sui seguenti link è possibile accedere alle liste dei Centri per l’Impiego: