Copy
Sinpe
Newsletter 1/2018

 

560.png

Rinnovo quota associativa 2018


Cari soci,
vi ricordiamo che sono aperte le iscrizioni alla SINPE per l'anno 2018 e che la quota associativa avrà validità fino al 31/12 dell'anno in corso.
Di seguito riportiamo le quote associative in vigore:
  • € 70,00 Medici e farmacisti con anzianità di laurea superiore a 5 anni
  • € 25,00 Medici e farmacisti con anzianità di laurea fino a 5 anni
  • € 25,00 Dietisti
  • € 25,00 Infermieri
  • € 70,00 Biologi
  • € 25,00 Altre professioni
I soci SINPE, in regola con le quote, potranno inoltre usufruire di una tariffa speciale di affiliazione ad ESPEN - The European Society for Clinical Nutrition and Metabolism
  • € 40,00 JUNIOR Blockmembership (under 32)
  • € 40,00 SENIOR Blockmembership (over 65)
  • € 90,00 REGULAR Blockmembership
E' possibile regolarizzare la propria quota o effettuare una nuova iscrizione accedendo al nostro portale.
560.png

Nutrizione nel paziente oncologico, le linee di indirizzo del Ministero della salute


Il 14 dicembre 2017, tramite un Accordo Stato-Regioni, sono state approvate le Linee di indirizzo sui percorsi nutrizionali nei pazienti oncologici, elaborate da un gruppo di lavoro multidisciplinare di cui hanno fatto parte rappresentanti del Ministero della Salute, di aziende sanitarie, di Università ed esponenti di società scientifiche di settore. Prendendo come base la Carta dei Diritti del Paziente Oncologico all’appropriato e tempestivo supporto nutrizionale, preparata nel 2017 da Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia (Favo) e Società italiana di nutrizione artificiale e metabolismo (Sinpe), con il contributo di altre società scientifiche e di associazioni di pazienti, queste linee guida si pongono come obiettivo la definizione dello screening nutrizionale e dei bisogni specifici in ambito nutrizionale.

Nel documento inoltre viene presentato un modello organizzativo che, tramite un percorso integrato, può permettere lo svolgimento di un programma nutrizionale personalizzato e associato al trattamento oncologico sin dal primo accesso ai servizi, senza dimenticare una parte dedicata alla formazione degli operatori sanitari.
I temi della nutrizione sono di importanza non trascurabile in oncologia, dal momento che tra i pazienti con tumore le alterazioni dello stato nutrizionale sono all’ordine del giorno. Volendo ragionare su alcune cifre, l’80% dei pazienti con neoplasia del tratto gastrointestinale superiore e il 60% di quelli con neoplasia polmonare presentano una perdita di peso già quando ricevono la diagnosi della malattia. Perdite di peso anche in fasi successive si riscontrano nel 72% dei pazienti con tumori pancreatici, nel 69% di quelli con neoplasie esofagee, nel 67% di quelli con neoplasie gastriche, nel 57% di quelli con tumori di testa o collo, nel 34% di quelli con neoplasie del colon retto, nel il 31% dei casi di linfoma non-Hodgking.
Ci si aspetta che queste raccomandazioni siano in grado di ridurre nella pratica medica le complicanze derivanti da problemi di malnutrizione, che possono interferire con le cure e peggiorare la qualità della vita, e di facilitare il recupero di un buono stato nutrizionale e della salute fisica.
Per arrivare a questo risultato si sottolinea la necessità di una serie di valutazioni individuali del paziente basate sulla storia clinica, sui trattamenti effettuati e in corso, sulla presenza di sintomi non controllati, sulla rilevazione di parametri fisici e su test di laboratorio, in vari momenti del percorso diagnostico-terapeutico. La valutazione deve essere effettuata secondo il programma anche in caso di iniziale assenza di modificazioni dello stato nutrizionale, in modo da gestire eventuali problematiche in fase precoce, e dovrà essere inclusa nella documentazione clinica e comunicata al medico di medicina generale. Il passo successivo prevede che, riconosciuto e valutato l’eventuale problema nutrizionale, si prepari un piano di intervento.
Il documento definisce anche i compiti delle varie figure coinvolte in modo da garantire una continuità assistenziale ospedale-territorio, e che comprendono il medico di medicina generale, il medico nutrizionista, il dietista, l’infermiere territoriale, il farmacista, ed eventualmente lo psicologo.

(Articolo tratto da Doctor 33 del 10/01/2018)

Scarica le Linee di indirizzo sui percorsi nutrizionali nei pazienti oncologici

560.png

Novità in nutrizione


Dieta mediterranea e quella anti-ipertensione le migliori per la salute
  Conta più la decisione di rinunciare a qualche alimento non necessario piuttosto che optare per cibi «senza

Gli uomini che mangiano da soli rischiano di più l'obesità
560.png

Novità in Open Access


Dietary n-3 polyunsaturated fatty acid intake and all-cause and cardiovascular mortality in adults on hemodialysis: The DIET-HD multinational cohort study

Mediation of coffee-induced improvements in human vascular function by chlorogenic acids and its metabolites: Two randomized, controlled, crossover intervention trials

Associations between dietary factors and obesity-related biomarkers in healthy children and adolescents - a systematic review

A school-based intervention improved dietary intake outcomes and reduced waist circumference in adolescents: a cluster randomized controlled trial

The metabolism and significance of homocysteine in nutrition and health
© 2018 Association


Disiscriverti   Aggiorna preferenze 

Email Marketing Powered by Mailchimp